È l’inizio dell’estate e Teresa Maritano è a Celle Ligure con Paola, la bambina di cui ha ottenuto l’affido. Dovrebbe essere una breve vacanza, ma durante una breve gita a Varazze Teresa nota un dettaglio che darebbe un senso a quanto le era stato raccontato nel febbraio precedente da Rolando, quando era andata a chiedergli informazioni sul mobiletto ritrovato nella bottega di Borgo Incrociati in cui era stato ucciso Remo Valsi. Quel dettaglio permetterà al commissario Marco Ardini di ricostruire il suo passato e di capire cosa gli era successo realmente? Teresa esita a comunicargli quanto ha saputo e visto, ma quando scopre altri inquietanti elementi non ha scelta. Deve informarlo perché non ha gli strumenti indispensabili per continuare da sola. Deve informarlo anche se farlo sarà perdere la serenità perché il suo legame con Marco è uno di quelli che fanno soffrire. Insieme dovranno ricostruire una storia lacerata da silenzi e omissioni, mentre lui si perderà nei suoi incubi, mentre nuovi eventi li costringeranno ad agire in fretta per evitare ulteriori vittime. Per evitare che si aprano le porte che tenevano lontana la notte.

Le porte della notte

4 pensieri su “Le porte della notte

  • 17 Ottobre 2019 alle 0:48
    Permalink

    Come sempre mi piace immergersi nei suoi libri . È come se mi tuffarsi in una storia il resto del mondo non esiste. Ore estremamente piacevoli e solo mie
    .Grazie . Attendo con ansia il suo prossimo libro

    Rispondi
    • 2 Aprile 2020 alle 22:06
      Permalink

      La ringrazio per le gentili parole e mi scuso per non aver risposto prima. Ho imparato soltanto oggi.
      se la situazione migliorerà, in autunno uscirà un mariani e metterò in lavorazione un maritano. un caro saluto.
      maria

      Rispondi
  • 13 Gennaio 2020 alle 11:06
    Permalink

    Cara sig.ra Masella le chiedo di continuare a far vivere Tea Maritano e Marco Ardini.
    La ringrazio, carissimi saluti

    Rispondi
    • 2 Aprile 2020 alle 22:03
      Permalink

      ho letto soltanto ora il suo messaggio! Non sapevo come fare.
      penso di sì!
      ricambio i saluti e ancora grazie. maria

      Rispondi

Rispondi a Alfredo Rucher Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *